Ci mancava la Cinciarella

Non bastavano la Matilde influenzata con tanto di “sfogo” da reazione allergica a non si sa cosa nel bel mezzo della notte (con relativa corsa verso il più vicino pronto soccorso…), il pozzo asciutto (fanculo ai negazionisti del riscaldamento globale), la cisterna con l’acqua di riserva esaurita (vabbè, non ho controllato, è colpa mia…) e la carta di credito rifiutata proprio nel bel mezzo del pagamento online della bolletta Enel (già mi immagino le conseguenze della transazione mezza riuscita… o mezza fallita…); no, non bastava tutto questo. Oggi, dopo che la bimba ci ha svegliato per l’ennesima volta alle 5.45, ho trovato una Cinciarella mezza morta (non si reggeva neanche sulle zampette) sulle scale di casa, bella pronta per essere pappata da uno dei circa 19 gatti pulciosi di mia zia. Bene, ho deciso di raccoglierla e provare a nutrirla…

Non sapendo bene da che parte cominciare, ho deciso di collegarmi al sito della LIPU per scoprire che, in mancanza di larve e vermetti vari, le Cinciarelle sono golose di manzo omogeneizzato smily. Quindi armato di pinzette per il cibo e siringa ipodermica per l’acqua (senza ago, si raccomandano alla LIPU…), mi sono cimentato nell’alimentazione dell’uccellino. Sono bastati un paioi di bocconi di manzo per far tornare vispa e allegra la Cinciarella. Ora mi chiama ogni 30 minuti per essere imboccata, cacchio.

cinciarella

P.S. che trattasi di Cinciarella l’ho appreso grazie al blog di Angelo 😉

Informazioni su Roberto 349 Articoli
Roberto "rbnet" Bolli, (ri)fondatore di rbnet.it con la passione per la tecnologia, Linux ed i meme Internet. La notte giocatore incallito di The Last of US su Playstation 4, di giorno "lavoricchiatore" in Francia, nazione dove cerca di sopravvivere non conoscendone la lingua.

5 Commenti

  1. E’ veramente come ho scritto Rouge: seguo il tuo sito da tempo, e non avrei mai riconosciuto la specie del piccolo ferito se non fosse stato per i tuoi “esperimenti” 😉

  2. Roberto, sei un GRANDE !!!

    E a dirla tutta, mi spiace un pò per la povera cincia ferita, ma ti invidio non poco per averla avuta così vicino… anche se io ne ho una come fidanzata da (quasi) 4 anni 😀

  3. buoni…i bacarozzi intendevo!
    checchè se ne dica io li ho provati e non hanno avuto effetti…al di là delle stupide battute che ne possono scaturire…!
    Daje MATI!!!!!!

  4. Dalla foto effettivamente sembra che non riesca a piegare bene una zampetta, ma non credo che abbia dei problemi… almeno spero.

    Nel frattempo le ho variato un po’ la dieta dandole delle Camole del Miele, dei bacarozzi lunghi alcuni centimetri ed utilizzati comunemente come esche dai pescatori. Ora la Cinciarella sta riposando beata e traquilla su un rametto inserito appositamente sul suo nuovo (e pulito) nido provvisorio: se supererà la notte domani tenterò subito di liberarla, anche perché mi sembra semplicemente un adulto con qualche problema di alimentazione/freddo, non di certo un pulcino caduto dal nido (e poi non è periodo di nidificazione).

    Matilde ringrazia per l’interessamento 🙂 Si è ripresa dalla reazione allergica, ma ha ancora qualche linea di febbre lasciata dall’influenza… e si! E’ stata contentissima di vedere da vicino sia la Cinciarella che i bacarozzi (che ha tentato di mangiare) 😀

  5. Davvero bellina la cinciarella! fino a qualche minuto fa non sapevo neanche cosa fosse una cinciarella e adesso saprei anche nutrirla… forse. Sai, io non sono così disinvolta con gli animali; tu, invece, come vedo te la cavi benissimo.
    Ha un problema alla zampetta sinistra o sbaglio?
    Mi raccomando, se puoi tienici informati. Attendo con ansia gli sviluppi di questa storia, che, credo, in qualche modo abbia piacevolmente intrattenuto anche Matilde (spero che ora la sua reazione allergica sia comunque sotto controllo).

3 Trackbacks / Pingbacks

  1. rbnet.it weblog » Archivio blog » Ci mancava la Cinciarella, epilogo
  2. Rouge.it » Piccole soddisfazioni
  3. Incontri ravvicinati: la mantide religiosa « Clotilde blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*