Phising, di nuovo

Questo è il “bellissimo” e sgrammaticato tentativo di phising che mi è arrivato proprio oggi:

Banca Intesa/Fineco chiede il vostro contributo:

Per i possessori di un conto Banca Intesa o di un conto Banca Fineco, a
seguito di verifiche di l’indirizzo di posta elettronica nei nostri database
clienti, si e reso necessario utilizzo online a conferma dei Suoi dai.
Le chiediamo perci di confermarci i dati in nostro possesso, accedendo
al seguente form protetto:

Per i possessori di un conto Banca Intesa:

http://www.intesa.it Per i possessori di un conto Banca Fineco:

http://www.fineco.it

No conteste a este correo electrnico.

I link citati sono ovviamente falsi scritti in formato html e portano a siti diversi da quelli dei veri istituti bancari, solitamente costruiti ad arte per raggirare gli utenti al fine di riuscirne a sottrarre i dati di accesso ai vari servizi online.

Questo è il codice html dell’e-mail:



Banca Intesa/Fineco di verifiche di email

Banca Intesa/Fineco chiede il vostro contributo:

Per i possessori di un conto Banca Intesa o di un conto Banca Fineco, a seguito di verifiche di l'indirizzo di posta elettronica nei nostri database clienti, si e reso necessario utilizzo online a conferma dei Suoi dai. Le chiediamo perciò di confermarci i dati in nostro possesso, accedendo al seguente form protetto:

Per i possessori di un conto Banca Intesa:

Per i possessori di un conto Banca Fineco:

 

No conteste a este correo electrónico.

Come si può vedere i veri link celati nel codice HTML puntano a siti che non sono quelli ufficiali e che, almeno in questo caso, risultano inesistenti rendendo così inefficace l’azione di phising.

In ogni caso attenzione: occhi bene aperti e diffidate sempre di richieste di dati via email.

Informazioni su Roberto 349 Articoli

Roberto “rbnet” Bolli, (ri)fondatore di rbnet.it con la passione per la tecnologia, Linux ed i meme Internet. La notte giocatore incallito di The Last of US su Playstation 4, di giorno “lavoricchiatore” in Francia, nazione dove cerca di sopravvivere non conoscendone la lingua.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*