Italia.it

Lasciamo perdere il fatto che non ha fatto in tempo ad essere presentato che il governo è caduto, ma il nuovo portale Italia.it, che il Terronista ci informa essere costato circa 45 milioni di euro (QUARANTACINQUEMILIONIDIEURO!), mi lascia abbastanza perplesso:

  • l’introduzione cantata (!) è noiosa, banale e soprattutto superflua;
  • alcune delle animazioni in Flash sono inguardabili: sembrano prese da video con problemi di interlacciamento…;
  • in un portale web costato 45 milioni di euro, anche se nuovo di zecca, mi aspetto come minimo l’assenza di qualsiasi errore di rendering delle pagine sotto tutti i web browser
    Errore di rendering nel portale italia.it
  • non parliamo poi dell’osceno logo che accompagna il progetto:
    Logo del portale italia.it

    Quella specie di peperone/ciabatta/sm@#@ta verde è un cazzotto in un occhio, per non parlare dell’utilizzo di diversi font tutti insieme e chi più ne ha più ne metta;

  • nel 2007 c’è ancora chi impagina un sito con le tabelle;
  • lascio perdere qualsiasi discorso sull’usabilità e accessibilità

Poi magari sarò pignolo io, ma quest’affare è costato 45 milioni di euro!

E pensare che in giro ci sono tanti bravi web designer…

P.S. poi tramite BlueVolvox ho scoperto che di questo tristissimo portale ne parlano male un po’ tutti…

Informazioni su Roberto 349 Articoli
Roberto "rbnet" Bolli, (ri)fondatore di rbnet.it con la passione per la tecnologia, Linux ed i meme Internet. La notte giocatore incallito di The Last of US su Playstation 4, di giorno "lavoricchiatore" in Francia, nazione dove cerca di sopravvivere non conoscendone la lingua.

12 Commenti

  1. Grazie per il link 😉 … vorrei sapere cosa ne pensa Mr. Lineheight! O forse è in preda ad attacchi di nausea? 🙂

    Mr. LineHeight preferisce non commentare. 😛
    Sono stato circa 5 secondi sul portale, dopo aver attraversato due splash pages fatte in flash, e questo penso che possa bastare ad esprimere il mio disappunto. Dopodichè una controllatina veloce al markup, alla pagina senza stili, e ho chiuso la scheda.

    La cosa scandalosa è che esiste anche una sezione “Accessibilità”… della serie: Sì, ti stiamo prendendo per il culo e ne siamo fieri.

    Come ho già detto sul blog di HTML.it:

    Il mio falegname con 30.000 lire te la fa meglio…

    Io un pensierino lo sto facendo su questa maglietta:
    http://www.eshirt.it/carrello/ecard.php?prj_source=07022790F28C&myl=it

    PS: Grazie per il “bravo” Roberto, anche se penso fosse un tantinoo esagerato 😛

  2. Aspetta.. quanto e’ costato sto portale?
    No perche’ quasi quasi mi faccio assumere dal Governo per fare i siti web, con uno, scacio e sgrauso mi ci assicuro la pensione!!

  3. 45 milioni!?! è un furto (oltre che un’offesa) all’intelligenza e al buon gusto. Quel peperone verde, poi, proprio non lo si può guardare: è ridicolo!
    La musica dell’introduzione è talmente oscena che ieri sera mio figlio duenne (era con me davanti al pc), quando ho clickato su italia.it, mi ha guardato e mi ha detto: “basta papà, cambia: è brutta…”

1 Trackback / Pingback

  1. rbnet.it weblog » Archivio blog » Italia.it, addio all’intro (per fortuna)

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*