Turbamento catodico

Mi si è appena strippato il televisore, un giovane (6 anni) Sony Trinitron WEGA a tubo catodico da 29″ che ha fatto SUIIINDGFRSSHHHH proprio durante la visione della seconda puntata della II serie del Dr. House… e si è spento.

Devo dire che questa cosa l’ho presa abbastanza bene. Sono riuscito perfino a non bestemmiare (forse dentro, nel più profondo e profano subconscio, un moccolo l’ho tirato giù). Che poi non la vedo neanche tanto la televisione. Per ora l’unico pensiero va al fatto che tutto il resto dell’impianto Home Theater ha poca ragione di esistere senza un adeguato dispositivo di visualizzazione delle immagini, quindi ho paura che mi prenda la classica “fissa” da aggiornamento hardware, tipo quando pochi anni fa (o era l’anno scorso?) mi mettevo in testa di aggiornare i componenti del PC, mi davo un budget e lo superavo sistematicamente di circa il doppio. E’ che si inizia a guardare cosa offre il mercato e si finisce per trovare sempre la marca tal-dei-tale che ti offre in più la cazzatella-inutile-di-cui-non-puoi-fare-a-meno-e-costa-poco-di-più: il resto viene da se…

Già mi vedo, una di queste sera, munito di tester (che non so usare) ad aprire il TV, poggiare i puntali su tutte le terminazioni elettriche senza sapere cosa fare e cosa cercare, staccare e riattaccare qualche schedina per poi richiudere tutto e provare a riaccendere con la falsa speranza che qualcosa nel frattempo possa essere cambiato (per il meglio, ovviamente). In questo modo ho “aggiustato” il monitor del mio vecchio Amiga 2000 decine e decine di volte; e quello a distanza di 20 anni ancora funziona… E’ che ‘sto cazzo di Sony peserà un quintale e portarlo a spasso fino giù in paese mi fa già sentire stanco.

Io un LCD non lo voglio (ancora).

Vabbè, metto su il DVD di De André.

Informazioni su Roberto 349 Articoli
Roberto "rbnet" Bolli, (ri)fondatore di rbnet.it con la passione per la tecnologia, Linux ed i meme Internet. La notte giocatore incallito di The Last of US su Playstation 4, di giorno "lavoricchiatore" in Francia, nazione dove cerca di sopravvivere non conoscendone la lingua.

13 Commenti

  1. non lo uso più a dire il vero da tanto tempo…
    dopo anni di onorata carriera s’è preso una meritata pensione…povero!
    dovremo fargli una festa…
    miao…bau…ciauz

  2. ehmmmm…forse sbaglio io…forse i ricordi dell’infanzia si intrecciano con incubi e sogni giovanili morti col tempo…forse non so…ma quel cazzo di monitor dell’AMIGA 2000 non lo mettevi a posto a suon di gnoccole date col pugno chiuso…in modo repentino e fulmineo???
    forse sbaglio io, ripeto…forse…!
    ma allora il metodo suddetto chi cazzo me lo ha tramandato???
    uhmmmmm…vado a cogitare sui miei ricordi…

  3. ciao roby, magari interpellare un tecnico riparatore TV?

    se esistono ancora .. nel mio paesello c’è ne è uno che ripara di tutto .. ma non credo che venga in trasferta fino da te …

    ciao .. saluti alla niki

  4. @Biagio:
    spero di resistere questa volta :/

    @Sw4n
    fino alla scorsa settimana per me era un vanto (certe volte mi accontento di poco… pochissimo) non aver mai visto DH. Poi un amico mi ha passato le registrazioni in dvd della prima e seconda serie…

    Ho smontato la TV… ed ovviamente non ci ho capito niente.

  5. E’ che si inizia a guardare cosa offre il mercato e si finisce per trovare sempre […]

    quanto ti capisco. E’ che uno vorrebbe che gli oggetti che ha per casa non si rompessero mai proprio per non incorrere in tentazioni. Quando poi speri che un qualsiasi oggetto “crepi” per aver la scusa di comprarne uno nuovo, bhé, manco a dirlo, questo non si scassa mai 🙂

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*