Va tutto bene

“Nessun miglioramento” dell’Italia nella graduatoria del World economic forum (Wef) sulla competitività delle Nazioni. L’Italia è infatti al quarantasettesimo posto come l’anno scorso, ultima tra i 25 membri dell’Ue, con l’eccezione della Polonia. In testa alla classifica è invece la Finlandia, seguita da Usa e Svezia. Dopo essersi classificata 26/a nel 2001, l’Italia continua a rimanere indietro rispetto ai concorrenti europei, hanno affermato a Ginevra gli economisti del Wef.

Ma non finisce qui; l’Italia è:

  • 114esima su 117 Paesi per efficienza del sistema fiscale;
  • 113esima per peso della burocrazia;
  • 112esima per peso delle tasse;
  • 110esima per le attese di recessione;
  • 109esima per flessibilità salariale;

Sul fronte tecnologico l’Italia è 44/a, nettamente al di sotto di Paesi quali Germania (16), Regno Unito (17) e Francia (24). L’utilizzo di personal computer in Italia è inferiore a quello di Corea, Cipro o Repubblica Slovacca, mentre Singapore, Taiwan, Estonia e Corea superano l’Italia nell’uso di Internet.

Particolarmente preoccupanti sono inoltre la mancanza di indipendenza del sistema giudiziario (59), la percezione che il governo favorisca imprese e individui ‘ben connessi’ nel decidere su appalti e politiche (72).

Va tutto bene.

Informazioni su Roberto 349 Articoli

Roberto “rbnet” Bolli, (ri)fondatore di rbnet.it con la passione per la tecnologia, Linux ed i meme Internet. La notte giocatore incallito di The Last of US su Playstation 4, di giorno “lavoricchiatore” in Francia, nazione dove cerca di sopravvivere non conoscendone la lingua.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*