Giornalisti, dove siete?

“Vogliono eliminare il capo dell’opposizione. Avevano già provato per via giudiziaria, ma gli è andata male…”

Già, è vero… Ci è andata male. Dopotutto basta andare su Wikipedia per “scoprire” (notare le virgolette, grazie) che:

Alcuni dei procedimenti giudiziari a cui Silvio Berlusconi è stato sottoposto, si sono conclusi con una sentenza definitiva che ha riconosciuto la colpevolezza dell’imputato, per reati quali corruzione giudiziaria, falsa testimonianza, finanziamento illecito a partiti e falso in bilancio. In altri procedimenti Silvio Berlusconi è stato invece assolto nel merito, oppure le indagini sono state archiviate.

Nei processi in cui è stato riconosciuto colpevole con sentenza definitiva non è stato tuttavia condannato, grazie ad amnistie, attenuanti generiche causanti prescrizione, e nuove norme, approvate dal suo stesso governo, che hanno depenalizzato reati a lui ascritti, per esempio il reato di falso in bilancio. Alcuni procedimenti giudiziari sono ancora in corso, uno dei quali all’estero.

In un paese normale (in un paese libero) il Berlusca starebbe in carcere da un bel pezzo. Nello stesso paese, magari, uno straccio di giornalista che gli facesse notare la cosa si troverebbe.

Informazioni su Roberto 349 Articoli
Roberto "rbnet" Bolli, (ri)fondatore di rbnet.it con la passione per la tecnologia, Linux ed i meme Internet. La notte giocatore incallito di The Last of US su Playstation 4, di giorno "lavoricchiatore" in Francia, nazione dove cerca di sopravvivere non conoscendone la lingua.

3 Commenti

  1. L’impunità ha colpito un’altra volta: nel processo SME Berlusconi è stato assolto ai sensi del secondo comma dell’art. 530 del codice di procedura penale, cioé quando la prova è insufficiente o contradittoria.
    In altre parole le prove non erano sufficienti a provarne la colpevolezza, altrettanto vero però il fatto che non ne sia mai stata provata l’innocenza.

    Ora l’ex-premier definisce “killeraggio” una legge che serve per evitare che chi detiene il potere lo usi per i propri interessi e non quelli di tutti.

    Stento a crederci che stiano realmente facendo una legge per risolvere il conflitto di interessi.
    Quando il centrosinistra ha governato dal ’96 al 2001 non ha risolto il conflitto di interessi dicendo che, avendo Berlusconi perso le elezioni, sarebbe stata una forma di accanimento nei suoi confronti….. ma se le avesse vinte? il conflitto di interessi sarebbe comunque rimasto come è successo quando è stato eletto ed ha governato per 5 anni.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*