Philip K. Dick: L’uomo nell’alto castello

L'uomo nell'alto castello
Titolo:
L’uomo nell’alto castello (The Man in the High Castle, 1962)
Autore:
Philip K. Dick
Genere:
Fantascienza
Editore/collana:
Fanucci Editore – Collezione Immaginario Dick
Traduttore:
Maurizio Nati
Pagine/data uscita/prezzo:
384, prima ed. 2001, 14,46€
Codice ISBN
88-347-0813-X

Il “Se…” più pesante del Novecento: Se la Germania, il Giappone e l’Italia avessero vinto la guerra, che tipo di mondo avremmo avuto?

Stati Uniti d’America, 1962. La schiavitù è di nuovo legale, i pochi ebrei sopravvissuti si nascondono dietro falsi nomi, la California è asservita al Giappone. Vent’anni prima l’Asse ha vinto la seconda guerra mondiale, e si è spartito l’America. Sul resto del mondo incombe una realtà da incubo: il credo della superiorità razziale ariana è dilagato a tal punto da togliere ogni volontà o possibilità di riscatto. L’Africa è ridotta a un deserto, vittima di una soluzione radicale di sterminio, mentre in Europa l’Italia ha ottenuto solo le briciole di questo immenso potere, e i nazisti si preparano a inviare razzi su Marte.

Nel loro settore sulla costa occidentale degli Stati Uniti i giapponesi sono ossessionati dagli oggetti del folclore e della tradizione americana, che collezionano con avidità, costringendo gli sconfitti a forme disperate di resistenza o di accettazione.

Tra loro vi è l’antiquario collaborazionista con i suoi altolocati clienti, l’artigiano ebreo che gli fornisce falsi oggetti d’epoca, la maestra di judo che insegue un’impossibile verità, spie e cospiratori. In questo scenario due libri segnano il destino collettivo, influenzando scelte e comportamenti: un libro antico, il millenario I Ching, l’oracolo della saggezza cinese, che diffonde la spiritualità orientale nei costumi americani, e viene usato come sostegno morale per ogni decisione. E poi un romanzo moderno, un misterioso libro underground che minaccia di sovvertire l’ordine mondiale basato sul predominio assoluto dei vincitori. Si tratta di La cavalletta non si alzerà più, un best-seller vietato in tutti i paesi del Reich, che racconta come se fosse fantascienza una realtà in cui l’Asse non ha vinto la guerra ma è stato sconfitto dagli alleati.

L’uomo nell’alto castello, pubblicato in precedenza in Italia col il titolo La svastica sul sole, racconta la Storia e le sue possibilità, la realtà e le sue riscritture, lo scontro culturale tra Oriente e Occidente, l’invasione della spiritualità nella vita quotidiana, il dramma morale di chi deve sopravvivere in un regime di sottomissione, la forza dirompente della creatività artistica. Scritto nel 1961 e vincitore del premio Hugo nel 1962, L’uomo nell’alto castello è uno dei capolavori di Philip K. Dick ed una tappa fondamentale di quella rivoluzionaria definizione dell’immaginario contemporaneo che Dick ha avviato a partire dagli anni Cinquanta con i mezzi in apparenza “poveri” della letteratura di genere.

Acquista il libro:

Immagini e quarta di copertina pubblicati con il permesso dell’editore. Il contenuto di questa pagina NON è rilasciato sotto GNU Free Documentation License e ne è quindi vietata la riproduzione senza l’espressa autorizzazione dell’editore.

Informazioni su Roberto 349 Articoli

Roberto “rbnet” Bolli, (ri)fondatore di rbnet.it con la passione per la tecnologia, Linux ed i meme Internet. La notte giocatore incallito di The Last of US su Playstation 4, di giorno “lavoricchiatore” in Francia, nazione dove cerca di sopravvivere non conoscendone la lingua.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*